clicca qui per ricevere ogni settimana un racconto direttamente nella tua casella di posta elettronica.
il tuo indirizzo verrà custodito nella mailing list sul server di tinyletter e usato solo ed esclusivamente per inviarti il racconto settimanale. non sarà ceduto a terzi, né utilizzato per ricerche, statistiche e sondaggi. potrai cancellarti in qualsiasi momento.
l'altra parte del muro

il nonno abitava dall’altra parte del muro. con lui abitava la nonna e con loro sette figli, uno dopo l’altro, dal più piccolo al più grande, i bisnonni, la prozia e anche una cugina venuta da chissà dove...

di corsa a new york

me l’avevano detto che, per prendere un taxi a new york, basta alzare il braccio e un’auto gialla arriva in un istante. se non due. auto, intendo, non istanti. così alzai la mia mano e...

la rondine a primavera

erano i primi gironi di novembre, il tempo si faceva uggioso, quando una rondine arrivò bel bella in città, svolazzando allegramente tra le nuvole grigiastre...

con l'accento sulla i

un tal dì, con l’accento sulla i, un bel tipo col pallino di girare le città, con l’accento sulla a, fece un giro fin lassù, con l’accento sulla u, e senza chiedersi perché, con l’accento sulla e, disse...

in fondo a destra

narra qualche leggenda, che montezuma fosse tipo mite e cordiale, senz’altro più del suo nome, che in lingua azteca fa motecuhzoma xocoyotzin e che – pare – significa sovrano arrabbiato o qualcosa di simile...

ridi sorridi

se sei felice, ridi!

ridi di gusto;

ridi con la pancia e con gli occhi...

© andrea valente